Cosa fare quando il dente sta pulsando?

Ospedale, clinica, sala operatoria, dentista. Tutti i termini citati hanno un punto comune, che non è solo un collegamento di posizione tra di loro. La maggioranza delle persone sentirà qualche tipo di disagio o addirittura la paura dicendo una delle parole sopra riportate. Tuttavia, il dolore è la ragione principale per andare da qualsiasi medico, quindi anche da un dentista. Il dolore è un senso soggettivo della persona e come tale si verifica nella maggior parte dei casi come il meccanismo difensivo iniziale, quando qualcosa nel corpo non funziona come dovrebbe e cosi’ ci avverte. Il dolore può essere forte o debole, ingombrante o palpabile, spontaneo o indotto da alcuni fattori. Poiché questo articolo si riferisce al dolore del dente, ci concentreremo sui tipi di dolore nella cavità orale.

Tutti nella loro vita hanno almeno una volta sentito il mal di denti, almeno in forma di ipersensibilità a bevande fredde o gelati. E non è affatto comodo, ci si sente come se il cervello fosse congelato (“cervello in congelamento”). Ciò che è più grave dell’ipersensibilità “ordinaria” è il senso della pulsazione nel dente. La ragione più comune per questo è la carie profonda sul dente, dove i batteri sono venuti alla polpa (nervo) e hanno cominciato a distruggere le cellule sane. Inizialmente, i batteri causano l’infiammazione transitoria (pulpite reversibile), a causa di ciò si sente la sensibilità al freddo e dolce. Nel caso in cui questa condizione non sia sancita, i batteri procedono più in profondità nel nervo e causano le infiammazioni irreversibili del nervo (pulpite irreversibile).

A questo punto per il nervo non è più salvabile, e il dente deve essere trattato endodonticamente (rimuovere nervo) – devitalizzare, riempire i canali definitivamente con la guttaperca e fare il lavoro protesico. Naturalmente, la carie precedente deve essere completamente eliminata. Questa condizione è caratterizzata da una maggiore sensibilità agli stimoli termici e pulsazioni occasionali. Durante tutto questo tempo, i batteri sono concentrati nel dente (in polpa e canali). Se non si rivolge al dentista dopo questa condizione e non si risolve il problema, i batteri si diffondono attraverso i canali alla periapicale (che si estendono dal dente all’osso) e col tempo, i batteri sempre di più distruggono l’osso circostante. Di conseguenza, accade che questo dente deve essere rimosso perché troppo l’osso circostante è perso e il dente è irrimediabilmente perso.

Pertanto, se si sente qualsiasi pulsazione nel dente, è necessario contattare il proprio dentista il più presto possibile, che determinerà, in base alla ricerca clinica, con la prova di vitalità e le registrazioni radiologiche, quale programma terapeutico è per quel dente. Come il primo soccorso si può assumere un antidolorifico che si prende normalmente, un antibiotico non è indicato in questi casi.

Se soffrete di ipersensibilità, sentite dolore o pulsazione, non esitate a contattarci al Numero Verde 800 722 070.