Lesione e malatie dei denti da atleti

Esistono molte divisioni di sport, ma per questo tema è importante menzionare la divisione tra lo sport con il contatto o senza.

La vita e le abitudini di un atleta professionista sono molto diverse dalle abitudini delle altre persone. Gli atleti sono più esposti agli sforzi fisici, pertanto, devono avere un piano di dieta speciale per compensare la perdita di energia.

Tale dieta è ricca di carboidrati che sono la fonte principale di energia per il corpo, ma sono anche il tipo di alimento che ha il ruolo più importante nello sviluppo della carie dentaria. Quandoli immettiamo nell’organismo, il valore di pH della cavità orale diminuisce e la conseguenza è la demineralizzazione della struttura del dente dello smalto. Per questo motivo, gli atleti hanno bisogno di essere istruiti su una corretta alimentazione.

Questo non significa che si devono evitare i carboidrati, ma devono essere ben distribuiti durante la giornata. Una delle mie raccomandazioni è quella di consumare carboidrati nei pasti principali con un distacco di almeno 3 ore (per aumentare il pH della saliva ad un valore neutro per prevenire la carie) ed evitare le bevande e gli alimenti ricchi di zuccheri. Dopo ogni pasto è l’utilizzo sciacquare la bocca con acqua è masticare gomme da masticare con xilitolo dopo i pasti. E’ interessante che i cibi ricchi di grasso proteggano i denti dalla cavità in modo che creano uno strato sottile sulla superficie del dente e quindi impediscono la cattura di placca sulla superficie dentale. Le proteine sono suddivise in aminoacidi e non partecipano alla formazione di cavità.

Quando si parla della salute orale degli atleti, è importante menzionare le lesioni traumatiche che si verificano durante l’allenamento o la competizione. Sporto in cui il contratto tra i combattenti ed i concorrenti è più spesso ed durante i quelli esiste maggior rischio di lesoni. Hockey su ghiaccio (sporto di contatto) è lo sport in cui sucedde un massimo di lesioni oro-faciale, ma ci sono anche gli altri sport (pallamano, pugliato, basket, calcio…). I traumi più comuni della zona oro-facciali sono: lesioni dei tessuti molli (le labra), fratture dei denti, avulsione, dislocasione delle articolazioni e fratture della mandibola e lesioni dell’articolazione temporomandibolare. Numero di lesioni dentali è in aumento, e alcune delle ragioni dell’intensità della formazione e della concorrenza, la voglia di distruggere i record e altri. Gli atleti sono nel gruppo rischioso, quando è stato sviluppato un gruppo speciale della medicina dentale, l’odontoiatria sportiva. Il compito di quella è di prevenire e di curare traumi oro-facciali nello sport. Per protezione si usano spesso: i caschi, le maschere e le stecche per i denti-prottetori.

Io suggerisco alle persone che pianificano di impegnarsi o sono già impegnati in uno sport di contattarci, cosi’ noi possiamo dare le istruzioni su igiene e abitudini alimentari orali. È importante considerare qual è il modo migliore per prevenire le lesione nella zona oro-facciale.